Words from No Words #02

Stampa
Quest’anno l’agenzia fondata da Elisa e Manuela festeggia 8 anni, traguardo che le due co-founder hanno deciso di celebrare con la creazione della rubrica “Words from No Words” di cui questo articolo fa parte.
“Siamo reduci dai preparativi della Montecarlo Fashion Week e, al termine di questa nuova esperienza, che ha aperto ufficialmente il mese di Giugno in cui fiere e Fashion Week la faranno da padroni, abbiamo pensato che fosse quasi impossibile non toccare un tema tanto dibattuto ultimamente: le sfilate digitali.
Da insider viviamo quotidianamente l’avvento del digitale e sentiamo come questo stia cambiando il mondo fashion, tuttavia, seppur il cambiamento si percepisca, da addetti al settore riteniamo che non sia ancora abbastanza diffuso.
Nonostante alcuni brand abbiano accolto la digitalizzazione con entusiasmo, investendo risorse per avviare una comunicazione digitale strutturata e di successo, constatiamo ogni giorno quanto siano ancora numerose le aziende che, invece, non ne comprendono le potenzialità.
E proprio questo rifiuto, si è tradotto nel corso delle sfilate di febbraio, in grandi polemiche su quanto sia discutibile o meno mostrare live immagini di sfilata, prima riservate unicamente all’élite degli addetti al settore.
Polemiche, a nostro avviso, che dovrebbero essere completamente superate, non solo per l’importante ruolo che oggi il digitale dimostra di avere ma, e soprattutto, per la natura stessa del settore moda, da sempre precursore di tendenze. Ecco perché, in questo breve ma schierato articolo, apriamo le danze in questo mese di fashion week con la citazione di Suzy Menkes sperando che il messaggio arrivi forte e chiaro alle orecchie giuste”